Primavera. On the boat again!

Andamento lento, tutto il tempo per osservare il paesaggio e scegliere dove fermarsi. No stress, no limits: questo è lo slogan vincente di una vacanza in house boat. Fiumi e canali navigabili da tempo sono percorsi da comodi barconi, molto semplici da guidare in autonomia, perfettamente attrezzati come autentici “camper” flottanti. Una forma di vacanza rilassante e avvincente, praticabile sia in Italia, sia in molti altri Paesi in Europa e nel mondo. La Francia in questo campo è all’avanguardia, con una fitta rete di corsi d’acqua navigabili tuttora utilizzati anche per il trasporto commerciale. Uno dei tratti maggiori e di grande interesse turistico è il Canal du Midi, un tracciato di canali artificiali di 241 chilometri che collegano il fiume Garonne al Mar Mediterraneo, tra le città di Tolosa e Sète. Per la sua bellezza e le ammirevoli soluzioni ingegneristiche nel 1996  è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità Unesco.

La via d’acqua risale al XVII secolo, e collegando l’Atlantico al Mediterraneo percorre regioni del Sud francese fra le più apprezzate a livello internazionale per il patrimonio storico e culturale, con imponenti cattedrali e castelli, antiche rovine e città medievali, per la bellezza della campagna, i vini e l’eccellente gastronomia. Chi vuole provare l’originale esperienza di una navigazione sui canali della Linguadoca-Rossiglione può contare su Le Boat, società leader nelle crociere a bordo di house boat, che offre ben 5 basi: Castelnaudary, Homps, Trèbes, Port Cassafières e Narbonne. Dunque è possibile imbarcarsi e percorrere l’itinerario prescelto con molta elasticità, ma soprattutto supportati da un’organizzazione attenta a tutti gli aspetti del viaggio. E allora indossiamo il cappello da capitano e con la famiglia o gli amici, partiamo alla scoperta di questo angolo incantevole di douce France, magari approfittando dei prossimi ponti.

Intanto la natura. Una volta a bordo è subito voglia di addentrarsi solcando le acque placide dei canali fra  campi coltivati e  alberi in piena fioritura, e poi canneti, boschi e radure, dove aironi e germani s’involano al nostro passaggio, per non parlare della ricchezza in fauna e flora del  Parco Naturale Regionale del Mediterraneo. Quindi le città impregnate di storia, come la medievale Carcassonne, sfilate di castelli, l’arte romana di Narbonne, i mattoni rossi di Tolosa. I piccoli villaggi dall’aria sonnolenta e le opere d’ingegno, dalla scala di sicurezza di Fonseranes, al mitico ponte del canale Orb, dal tunnel Malpas, alla chiusa Orb.

Un concerto di profumi si spande nell’aria, ma impossibile resistere agli aromi schietti della Cassoulet de Castelnaudary che ci arriva improvviso da una locanda sulla riva, o alla fragranza dei fichi nei Portiragnes, oppure ad una sontuosa Bouillabaisse a Sète. Il tutto magari innaffiato dai vini preziosi dei vigneti Lauragais del Minervois, orgoglio di Linguadoca. In diversi luoghi, soprattutto verso il sud,  si percepisce l’indole mediterranea e l’influenza spagnola nei tanti eventi conviviali, festival e ricorrenze. Musica, danza e teatro animano le località lungo il canale, specie in primavera ed estate, e le notti scorrono fra tapas e balli, senza risparmio.

La casa galleggiante è una forma di vacanza decisamente in crescita. Itinerari suggestivi in Italia e in altri Paesi vengono proposti ad esempio da houseboat.it, che dispone anche di imbarcazioni con motore elettrico, a inquinamento zero. In Italia le proposte più gettonate sono Venezia e isole minori, con la possibilità di visitare ogni angolo della meravigliosa città con tutta calma e approdare alle isole fuggendo la pazza folla; le Ville Palladiane sul Brenta, dimore storiche di grande finezza architettonica; la Laguna veneta di Marano, Lignano, Caorle, e Jesolo, spiagge dorate e tanti luoghi da conoscere anche all’interno, risalendo il Piave e il Sile. All’estero gettonatissima l’Olanda, famosa per i suoi innumerevoli canali e dighe, per i mulini a vento e per i tulipani, è il luogo dove navigare con la casa appresso è uno stile di vita.

Le house boat sono di dimensioni diverse a seconda del numero di passeggeri (da 2 a 12 posti letto), con vari livelli e tipologie di equipaggiamento, ma tutte con alti standard qualitativi e requisiti di sicurezza. Per pilotarle non è richiesta alcuna patente e nemmeno una precedente esperienza. Il primo giorno viene impartita una lezione dimostrativa con prove di manovra e di ormeggio e fornito un manuale di istruzione per navigare al meglio e godersi la vacanza. Poi ognuno sceglie tempi e ritmi, ma sempre all’insegna dello slow travel. Piacevole per tutti, fantastico per i bambini, che entrano subito nella parte di un equipaggio pronto alla scoperta e all’avventura.

Per tutte le info:

Le Boat

houseboat.it

Tags

About the author